Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ma come far impazzire un uomo e come comportarsi?

come far impazzire un uomo
come far impazzire un uomo

Come far impazzire un uomo – Nel gioco della seduzione non c’è nulla di impossibile. Prendere coscienza di questo è il primo passo fondamentale per capire. Se incontri un ragazzo che ti fa perdere la testa è abbastanza normale che tu faccia fatica a capire come comportarti. Se spingerti subito oltre o procedere con cautela. Quando ti imbatti in un colpo di fulmine l’incertezza tende a prendere il sopravvento, ponendoti al cospetto di una scelta tutt’altro che scontata.

Il motivo?

Oltre a pensare ed agire in modo differente rispetto alle donne, gli uomini risultano più difficili da capire perché parlano una lingua completamente diversa da quella femminile. Ma la situazione è meno critica di quanto non osi pensare, non sarà necessario scervellarsi per avere delle risposte. Sappi che ti basta colpirlo nei suoi punti deboli. Gli uomini ne hanno tanti, talvolta più celati, talaltra non riescono proprio a tenerteli nascosti. Nella fase iniziale ti sarà utile far emergere le sue fragilità caratteriali, psicologiche e sensoriali. Una volta che li avrai scoperti, ti sarà più facile mettere in pratica tutti i miei suggerimenti per far perdere la testa ad un uomo.

Come comportarsi per far cadere un uomo ai tuoi piedi?

Se la domanda “come far impazzire un uomo” ti sta togliendo il sonno, sappi che sono sufficienti pochi, semplici escamotage per aumentare notevolmente le tue chance di successo.  Pronta a scoprire come far impazzire un uomo?

1.Misura il tono della voce

L’uomo è molto sensibile al timbro della voce femminile. Più è vellutato, candido e intenso, maggiore sarà l’interesse che proverà nei tuoi confronti. All’opposto, ti consiglio di evitare risatine e schiamazzi in quanto potrebbero renderti meno attraente ai suoi occhi.

2.Sii pacata nei modi e nei gesti

In generale i maschi in una donna apprezzano l’umorismo e l’ironia. Mantenendoti sempre entro certi limiti: se flirtando ti fai vedere troppo spiritosa rischi di ottenere un indesiderato effetto boomerang. Gli uomini associano l’eccesso di spirito ad un tratto tipicamente mascolino e ad un carattere più dominante non sempre gradito. Quindi antenne dritte!

3.Acqua e sapone si… Ma entro i limiti!

Sebbene gli uomini apprezzino le donne acqua e sapone, un leggero velo di trucco è sempre una buona scelta. Se vuoi apparire più attraente devi curare il tuo aspetto… Pur senza esagerare! Cerca di dare risalto allo sguardo marcando gli occhi, le labbra ed evidenziano i punti forti del tuo viso. Gradevole e semplice allo stesso tempo: è questa la formula giusta per fargli perdere la testa.

4.Il tacco è scomodo… Ma tremendamente efficace!

Il tacco alto è una freccia del tuo arco che prima o dopo ti devi giocare. I tacchi alti ti slanciano, scolpiscono i polpacci e valorizzano il sedere. E sai cosa guarda di più un uomo in una donna? Oltre al seno, nei primi posti troviamo proprio gambe e fondoschiena. Se non sei abituata ad indossarli fai delle prove a casa e nel momento clou cerca di mantenere un andamento naturale mostrandoti il meno goffa possibile.

5.Dai il massimo risalto alla chioma e al collo

Devi avere il giusto riguardo per i tuoi capelli perché gli uomini preferiscono le donne dalla chioma lunga, appariscente e ben curata. Tuttavia, tenere i capelli raccolti non è mai una cattiva intuizione. Forse non lo sai, ma il collo è una delle principali zone erogene femminili. Il mio invito, pertanto, è quello di curare bene la cute del collo tenendolo scoperto e mostrandolo il più possibile.

 

Prova a seguire i miei spunti, misura con attenzione il tuo linguaggio del corpo e, soprattutto, sii sempre te stessa. Capirai che in amore non c’è mai nulla di irrealizzabile.

 

Cosa ne pensi di questo articolo? Hai mai sperimentato modi alternativi per far impazzire il tuo uomo? Lascia qui sotto i tuoi commenti e se ti piace l’articolo Condividilo!

Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di Nicola Ledri

  •  
  •  
  •  
  •  
  •