Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come farlo innamorare? 7 passi per fargli perdere la testa!

Come farlo innamorare
Come farlo innamorare

Come farlo innamorare? Hai conosciuto il ragazzo giusto per te ad un evento e non vuoi lasciartelo sfuggire? Sedurre un uomo può essere facile, ma fargli perdere la testa no. L’amore è un sentimento universale e travolgente, una forza che seguendo alcuni semplici consigli può essere imbrigliata e dare il via ad una felice vita di coppia.

Cosa fare per far innamorare un uomo?

Fare innamorare un uomo vuol dire legarlo a te, creare un sentimento talmente forte da renderti indispensabile. L’obbiettivo non è certo quello di creare uno zombie, ma iniziare a fargli cadere le classiche fette di prosciutto dagli occhi è imprescindibile. Farti scoprire come sei, mostrandoti “come sei” e non solo come “appari”, è il primo passo per la nascita di una relazione duratura. Non dovrai limitarti a sedurlo o eccitarlo, dovrai fare molto di più per conquistarlo. Ovviamente non esiste una formula esatta, ma una buona strategia può essere un buon punto di partenza, la pazienza e la tenacia faranno poi il resto.

1.Conosci il tuo uomo

Come farlo innamorare? Non bisogna illudersi, innanzitutto devi capire che tipo di uomo hai avanti. Le personalità possono variare e sarà opportuno regolare il tuo approccio in base al suo carattere. Un uomo timido dovrà gioco forza essere corteggiato in maniera diversa rispetto al classico latin lover. Prenditi del tempo per studiare il suo carattere e poi prova ad avvicinarlo. Gli uomini non sono uguali non dimenticarlo!

2.Si te stessa

Non mi stancherò mai di dirlo, se vuoi davvero conquistare un uomo la migliore arma a tua disposizione resterà sempre questa: sii te stessa. Non aver paura, sei unica è questa è la tua migliore arma. Nessuno apprezza le brutte copie, mostra al tuo uomo chi sei e questo ti renderà insostituibile .

3.Prenditi il tempo necessario

Se stai cercando di capire come farlo innamorare hai bisogno di tempo, armati di pazienza e tenacia prima di partire all’avventura. L’amore come detto prima non è un sentimento semplice e scontato, ha bisogno di tempo per radicarsi e maturare.

4. L’attrazione mentale conta

Non sottovalutare la mente, un uomo lo si può far capitolare anche ricorrendo alla psicologia. Guardalo intensamente per attirare la sua attenzione, sorridi e poi sfodera tutto il tuo fascino. La stimolazione dei sensi è fondamentale se vuoi entrargli nella testa ricorri pure al profumo per stimolare l’olfatto e coinvolgerlo emotivamente .

5. Sfrutta la Timidezza

Spesso sottovalutata o bistrattata la timidezza in realtà è sintomo di empatia, di rispetto e attenzione verso il prossimo. Devi sapere che gli uomini preferiscono le ragazze riservate a quelle esuberanti, specialmente durante i primi appuntamenti. Non vergognarti di essere timida ma sfrutta la tua timidezza a tuo vantaggio per non esporti troppo a lasciarlo incuriosito da te.

6. Ricorda l’importanza del contatto

Per farlo innamorare devi farti notare, non puoi aspettare che il fato si occupi di te. Devi avvicinarti e creare l’occasione per scambiare due parole e farti conoscere, magari ridendo alle sue battute o complimentandoti per il suo lavoro. Frequentandolo avrai anche modo di scoprire più cose su di lui e capire se il tuo sentimento è ricambiato… Ma ogni tanto concediti qualche piccola fuga e non farti trovare.

7. Prendilo con dolcezza

Il corteggiamento è l’apice del romanticismo e la dolcezza può rivelarsi la tua arma migliore. Nessuno ne è immune: sii dolce e riempilo di attenzioni, ma senza opprimerlo mi raccomando!

Per quanto non esista un metodo scientifico per capire come far innamorare il tuo uomo, se seguirai questi pratici consigli potrai avere qualche chance in più e conquistare chi ami. Ricorda di essere te stessa e non temere di essere rifiutata, corteggiare richiede tenacia e tanta pazienza, ma non arrenderti. L’amore è un fenomeno complesso e bisogna prenderlo così come viene.

Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di  Pietro Bruno

  •  
  •  
  •  
  •  
  •