Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come riconoscere l’anima gemella, è la storia che fa per te?

come riconoscere l'anima gemella
come riconoscere l’anima gemella

Non è semplice arrivare ad avere certezze in una relazione e capire come riconoscere l’anima gemella tornerà utile. Certo all’inizio tutto è perfetto e ci sentiamo completi, le farfalle nello stomaco sono belle, ma non sono abbastanza. Allora come cercare di capire se abbiamo davvero di fronte a noi l’anima gemella? Prima di trovarci in mezzo a dubbi e domande da cui non sappiamo come liberarci, vediamo come sapere se la nostra metà corrisponde alla nostra anima gemella! 

Serve frequentarsi da tanto tempo per capire come riconoscere l’anima gemella?

No, non per forza. Anche perché, come riconoscere l’anima gemella varia sicuramente da caso a caso, ma alcuni fattori li ritroviamo spesso.

Questi sono i 3 punti principali da cui puoi iniziare a capire qualcosa. Non sono gli unici, ma sono forse i più importanti. Ecco come riconoscere l’anima gemella in diverse situazioni!

Differenze o ostacoli?

Non siete uguali, questo è un fatto. Non succede in nessun tipo di relazione di essere così, neppure in quelle d’amore. Eppure venirsi incontro è possibile, non sempre, ma è possibile. Pensate a come vivete il vostro diverso modo di affrontare l’altro quando non vi soddisfa. Vi arrabbiate spesso? Riuscite a controllarvi in nome di qualcosa di più grande? Il modo in cui reagite sicuramente vi suggerisce qualcosa rispetto a ciò che pensate nel profondo rispetto al vostro partner. 

Quando viviamo queste differenze più come ostacoli, si pone un problema. Perché un ostacolo? Non dovrebbero esserci ostacoli alla felicità di una coppia, specialmente non che vengono da voi! Se vivete male queste differenze tanto da giudicarle appunto ostacoli insuperabili forse non vi trovate di fronte all’anima gemella . 

Interessi diversi o priorità diverse?

Di nuovo, come affrontare le idee diverse che avevate prima di conoscervi e che non se ne vanno? Scendere a compromessi non è sempre un male, anzi. Significa propensione verso l’altro, interesse nel venirvi incontro. 

Si può farlo in qualsiasi caso? Noi pensiamo di no. Venirsi incontro assecondando capricci e curiosità dell’altro può essere divertente e ripagarci in futuro dello sforzo fatto, ma fino a un certo punto. Se la diversità tocca ambiti quali le aspettative per il futuro o, perché no, anche questioni famigliari… be’, forse dovete iniziare a chiedervi qualcosina in più.

Vi adattate o cambiate atteggiamento pur di riconoscere l’anima gemella?

L’ultimo punto chiede: come vi comportate fuori? Anche in pubblico capirete come riconoscere l’anima gemella. Se vi frequentate e incontrate gli amici del partner, vi trovate a vostro agio? Se sì, non può andar meglio di così! Ma non succede sempre, giusto? Allora vediamo come si può capire se il vostro partner è sulla buona strana per essere visto come l’anima gemella. Quando l’altro capisce che non siete a vostro agio, vi chiede di sopportare la situazione? Va bene. Ma se pretende un atteggiamento forzato pur di non intaccare gli altri rapporti allora no, non è il massimo. Siete il partner, non una persona passeggera e non potete correre il rischio che queste pretese siano il preludio di qualcosa peggiore. 

Se vi rendete conto che tutti e tre questi punti sono superficiali è perché vivete un equilibrio che vi soddisfa. Bene, probabilmente siete coinvolti in qualcosa che funziona! 

Questo è quello che auguriamo a ognuno di voi! Che abbiate appena incontrato la persona che vi fa battere il cuore, o che l’abbiate a fianco da anni.

Ma se così non fosse non disperate! La possibilità di trovare questa dolce metà è dietro l’angolo!

E ora che conoscete i modi per riconoscerla, che aspetti? Raccontaci le tue esperienze nei commenti!

Articolo di Lucia Ferrari

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •