Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La gelosia: cos’è e come superarla 

Da sempre la gelosia è presente nella vita degli esseri umani, ci accompagna sin dalla prima infanzia, e si scatena in condizioni differenti nel corso della crescita. Dal senso di possesso verso i genitori quando nasce un fratellino o una sorellina, passando a quella verso gli oggetti preferiti, sino alle gelosie scolastiche e lavorative. Infine arriva anche la gelosia di coppia.

Cos’è e come si manifesta

Si tratta di un’emozione che nasce dalla paura di perdere qualcosa di importante per noi, un’emozione che si acuisce quando riguarda le relazioni sentimentali. La paura di perdere qualcuno a cui ci sentiamo molto legati. La gelosia funge spesso da campanello d’allarme per l’ansia di perdere chi amiamo a causa della presenza di qualcun altro. Un’emozione forte che può rivelarsi anche dannosa, portando a compiere gesti eccessivi e impulsivi causati dalla paura dell’abbandono.

Non sempre nasce da un rischio reale ma può venire da pensieri e supposizioni. Molto spesso è la gelosia stessa a definire lo scenario in cui appare anche l’ipotetico rivale in amore.

Ma perché si è gelosi? Spesso per un desiderio di possesso che scatena la paura di perdere qualcuno o qualcosa che riteniamo nostro. Il partner è ritenuto proprietà esclusiva da non condividere con nessuno.

Gelosia patologica

Quando si manifesta rimanendo all’interno di certi confini può essere anche positiva. Contribuisce a sottolineare l’interesse e l’attenzione nei confronti del partner, facendogli sentire più acuto l’amore che proviamo, la voglia di non perderlo o di conquistarlo.

Quando però la gelosia si trasforma in un atto di controllo continuo sino ad ostacolare il benessere del partner allora si può parlare di gelosia patologica. A scatenarla non sono motivazioni reali e oggettive, ma perlopiù dovute ad una distorta percezione di minaccia immaginata. Diventa quindi come un’ossessione, dannosa per sé e per gli altri.

Il geloso patologico controlla costantemente il partner attraverso interrogatori, verifiche rispetto a particolari affermazioni o comportamenti, divieti e continua richiesta di rassicurazione. Attanagliato da continui dubbi che si manifestano come una serie di domande continue e conseguente ricerca di rassicurazione.

 Come superare la gelosia, consigli utili

Per riuscire a ridurre gli slanci gelosi è necessario mettere in pratica alcune strategie. Ecco quindi alcuni utili consigli utili per una più sana vita di coppia:

  1. Confidati con il partner e comunica le tue paure

Per mantenere un rapporto di coppia sano è bene confidarsi col partner. Rendersi conto di essere gelosi ed accettare questa caratteristica è il primo passo per imparare a dominarla e ridimensionarla. Se ti senti insicuro, esponi i tuoi dubbi al partner e confidagli cosa ti fa soffrire, in questo modo anche lui potrà aiutarti.

  1. Fai un’analisi delle situazioni che ti rendono geloso

Fai una valutazione obiettiva delle situazioni maggiormente scatenanti e prova a metterti nei panni dell’altro. Cosa penseresti del tuo partner se fosse geloso ogni volta che parli o guardi qualcuno?

  1. Fissa delle regole

Non devi spaventare il partner con richieste impossibili. Quando si condivide il tempo con altri bisogna accordarsi sui comportamenti opportuni ed impegnarsi a mantenere le promesse, da entrambe le parti!

  1. Trascorrete del tempo con gli altri

Altrettanto utile non stare sempre appiccicati ma concedersi degli spazi di autonomia individuale. Per incontrare gli amici, confidarsi con loro, coltivare hobbies e passioni… Evitando assillanti interrogatori al rientro!

  1. Fai una lista con le doti e le qualità fisiche che il partner ama di più

Una lista da stilare insieme e che sarà poi utile rileggere quando la gelosia verso un’altra persona si impossesserà di voi. Potrà sembrare banale ma è un’autentica chiave di volta: provare per credere.

E Tu cosa ne pensi? Hai altri consigli utili per affrontare la gelosia?
Faccelo sapere qui sotto nei commenti! Per conoscere nuove persone, iscriviti al nostro sito, commenta con le tue domande e condividi questo articolo!

Articolo di  Enrico Brogliato

  •  
  •  
  •  
  •  
  •