Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La spontaneità: cos’è la virtù di riconnettersi con se stessi?

Spontaneità
Spontaneità

Spontaneità – Cosa significa la parola “spontaneità” e cosa vuole dire “essere spontanei”? Questi termini richiamano immediatamente alla mente la libertà di esprimersi, il poter essere se stessi senza vincoli o coercizioni. Cosa ci potrebbe essere di più bello e semplice? Peccato che a causa di paure e limiti che noi stessi ci poniamo la spontaneità non è sempre facile da raggiungere. Il giudizio altrui può spaventare, così come l’esporsi nelle proprie sensazioni e nei propri sentimenti. Mostrarsi per ciò che si è richiede coraggio!

Nella vita di tutti i giorni siamo portati ad indossare delle maschere per corrispondere alle aspettative che pensiamo che gli altri abbiano nei nostri confronti. Può capitare di credere che le persone con cui si possa instaurare un legame sincero e genuino tale da non richiedere di indossarle siano poche e questo ci porta a nascondere opinioni, emozioni, aspetti del nostro carattere. La spontaneità è però una virtù preziosa da coltivare, che ci permette di essere connessi con noi stessi e di non farci sopraffare dalle sovrastrutture che la realtà sociale che ci circonda può imporre.

Come vivere con spontaneità?

Vivere con spontaneità significa liberarsi dalle apparenze e poter vivere liberamente per ciò che si è. Accettarsi nei propri limiti e non porsi così il problema di come mostrarsi per nasconderli è una scelta coraggiosa! E quel fastidioso paradosso per cui più ci viene detto o più ci si sforza di essere spontanei, meno lo si riesce ad essere? Il problema risiede nel fatto che lo stesso pensare di voler essere più spontanei toglie per definizione spontaneità! Se però il tuo desiderio è quello di riuscire ad essere maggiormente te stesso e di mostrarti agli altri per come sei, puoi trovare motivazione e forza negli obiettivi che ti poni e nei benefici che ne trarrai.

Tieni anche a mente che impegnarsi per essere più spontanei è qualcosa che fai per te stesso e non per dimostrare qualcosa agli altri! Il voler aggiungere spontaneità alla propria vita deve essere un desiderio che ha una motivazione interna. Il primo obiettivo è quello di sentirsi maggiormente in armonia ascoltandosi di più e non quello di voler dare prova a qualcun altro di ciò che si è. Vivere con naturalezza significa essere il più possibile in contatto con se stessi, con il proprio intuito e quelle parti di sé che vanno oltre la razionalità e il giudizio. Riuscire ad ascoltarsi veramente in questo senso richiede esercizio e allenamento. Se non si è abituati a farlo è necessario riacquisire la capacità di lasciarsi andare e di non rimuginare troppo sulle cose.

E il rapporto con l’altro?

È inoltre importante maturare una buona conoscenza di sé, che può avvenire solo col tempo. Per poter esprimere al meglio ciò che si è con spontaneità è necessario sapere chi si è e questo non è un compito facile. Non è sempre immediato riuscire a definirsi, perfino a se stessi, ed è un processo che richiede continuità e costanza. La spontaneità per potersi esprimere necessita di consapevolezza e capacità riflessiva. Questo ti aiuterà ad avere un migliore rapporto non solo con te stesso, ma anche con gli altri!

Proprio così: conoscersi per conoscere l’altro. Essere visti dagli altri per ciò che si è diventerà infatti conseguenza naturale. I passaggi che hai fatto dentro di te porteranno anche gli altri a percepirti in modo diverso. Quella spontaneità che hai imparato a vivere per te stesso verrà colta anche da chi ti circonda. Non sarà qualcosa di forzato, bensì un naturale fluire che ti porterà a stringere legami e relazioni più autentici e genuini. La spontaneità diventa quindi anche una virtù in grado di facilitare e migliorare le relazioni umane. Ciò che viene trasmesso all’altro è naturalezza, trasparenza e sincerità. Tutti elementi che mettono a proprio agio e che consentono uno scambio semplice e senza secondi fini.

Vivere la vita con spontaneità permette di raggiungere un maggior benessere emotivo e di vivere con più serenità il rapporto con se stessi e con gli altri. Essere spontanei aiuta a migliorare la fiducia in se stessi e la propria autostima. Accettarsi ed ascoltarsi significa prendersi cura di sé. Quando si perde la paura del giudizio in virtù di una maggior naturalezza e spontaneità ci si renderà realmente conto degli innumerevoli benefici che se ne possono trarre sia per se stessi che nello stare con gli altri. Provare per credere!

Scrivici qui sotto cosa ne pensi e se ti piace l’articolo Condividilo!

Articolo di  Dott.ssa Anna Galtarossa

  •  
  •  
  •  
  •  
  •